Home > Magazine > Appunti d'Arte > articoli

Villa Celimontana 06
Valeria jannetti

Dove: Villa Celimontana

Quando: 09/06/2006 – 09/09/2006

Info: Via della Navicella (metro Colosseo) www.villacelimontanajazz.com

Info biglietti: booking@villacelimontanajazz.com

Botteghino: 06 77208423 dalle ore 18.00

apertura ore 21.00 - Inizio concerti ore 22.15

Si è ufficialmente riaperta la stagione dell’Estate Romana, con in cartellone una quantità di esibizioni e manifestazioni che regalano a Roma ed ai suoi abitanti la possibilità di godere del patrimonio della città e la fortuna di scegliere ogni sera una manifestazione diversa secondo i propri gusti.

In questo cartellone multicolore, Villa Celimontana apre le sue porte alla cultura tout-court. Imprescindibilmente legata alla tradizione jazzistica, Villa Celimontana offre a tutti di godere di quanto di meglio vi sia in circolazione, per quanto riguarda la musica, il teatro, l’arte ed il cinema. Oltre ad assistere a concerti di artisti del calibro di Marcus Miller e Stefano Bollani, tanto per citarne due fra i migliori che si esibiranno, il percorso obbligato che porta al palco è costellato di installazioni d’arte che, almeno fino al nove settembre, trasformano un parco “normale” in un “parco Museo”. La trasformazione è in verità solo temporanea, ma capace di destare l’interesse necessario verso gli artisti che espongono.

È nell’ambito de “L’altro festival” che le diverse espressioni artistiche legate all’immagine trovano lo spazio all’interno della Villa, mentre l’associazione di tutela del patrimonio artistico“Restaurando”, attraverso la curatrice Stella Tasca con il settore “Officina”, offre il parco ai giovani creativi della capitale. Originaria sosta ristoratrice per i pellegrini che affrontavano il “percorso delle Sette Chiese”, le installazioni artistiche della Villa hanno come tema portante il viaggio, che, attraverso la creatività, non percorre chilometri ma muove la mente. Il corpo immobile e la mente viaggia attraverso le note che si spandono nell’aria, attraverso le fotografie, le immagini, i disegni, le sculture che dialogano con uno spettatore i cui sensi si rianimano.

Installazioni permanenti ed altre a rotazione permettono una fruizione sempre nuova e fresca, inoltre la Villa rimane aperta fino al tramonto e così, per chi non fosse interessato ai concerti, può comunque avere la possibilità di visitarla, gratuitamente.

Percorrendo il sentiero che porta alle note, il visitatore potrà trovare davanti a sé “Facce Note”, bigliettini poetici da cogliere come frutti, orchestrine stilizzate che si muovono al vento nonostante siano di ferro, fotografie di jazzisti, tele sulle quali il segno è tracciato con motivi arcaici, ritratti di bambini dentro copertoni di macchine...

Sono di Elvira di Giannattasio le “Facce Note”, sette ritratti fumettistici di sette stilemi di donne collegate alle note, collocate lungo il viale principale tra palme illuminate di rosso. Basta però scegliere un diverso percorso per imbattersi nel “Viale delle poesie”, nel quale dagli alberi scendono bigliettini di poesie, sorta di oracolo da leggere alla luce, e dietro al quale spicca una orchestrina di figurine stilizzate, opera della scultrice romana Isabella Nurigiani, che invita a muovere la propria scultura per scoprire che nonostante il ferro le figure si muovono, giocano col vento e suonano una musica che non è dato ascoltare. Altri bigliettini oracolo portano, nel percorso “alternativo” alle palme, ad una installazione di più artisti, una sorta di cubo di “americane” (e quindi smontabile) all’interno del quale ritratti figurativi vengono celati dal cellophane.

E poi... ognuno può scegliere il percorso che desidera, e la bellezza ed il fascino intrinseco di una “Villa Museo”, nel vero senso della Land Art, invita a scoprire personalmente, in una sorta di epifania di immagini, ciò che è celato dietro ad un cespuglio od intorno ad un albero. Il consiglio che ci sentiamo di dare, allora, è quello di varcare la soglia della Villa ed iniziare a giocare, solo così si potrà cogliere ciò che le installazioni hanno realmente da dire. Leggere i cartellini, provare a toccare, pensare, collegare, leggere... Ed, ovviamente, ascoltare.

INSTALLAZIONI PERMANENTI - artisti:

Isabella Nurigiani

Patricia Carmo

Susanna Cascella

Elizabeth Frolet

Menichelli & Fontana

Carlo Montesi

Stella Tasca

Roberto Timperi

Serge Uberti

Roberto Carlos Umpierrez

ALLESTIMENTI A ROTAZIONE - artisti:

8 giugno 23 giugno

Lorenzo Baruffi

Claudio Cinini

Dina Jaksic

Sara Spizzichino

24 giugno 8 luglio

Lorenzo Baruffi

Giulia Cantisani

Gianluigi Mattia

Navid Azimi Sajadi

9 luglio 24 luglio

Cristina Blanch

Domenico Campisano

Antonella Catini

Violeta Galera

25 luglio 9 agosto

Orio Geleng

Antonietta Campilongo

Gabriele Simonetti

Gisella Sorrentino

Alessia Ziccardi

10 agosto 25 agosto

Marco Piemonte

Fabia Rodi & Marcello Orlando

Fabiana Saliceto

Orio Geleng

26 agosto 9 settembre

Lucianella Cafagna

Alessandra Giacinti

Francesca Manzini

Caterina Morelli

30/06/2006


a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - 00159 - Roma | Cell. 347 7074779 - Fax +39 06 97258910