Gemona, wall drawing, 2000

Calderino, wall drawing, 2001

Metro Roma, 1998

 

Gianluca Cresciani isola porzioni di spazio, molto spesso pubblico, e le “abita” con i suoi lavori attuando un de-placement; quello spazio è luogo ri-definito,  a un tempo la stessa cosa ed un’altra.  

L’operazione, definita dall’autore “riciclaggio espressivo”, viene indistintamente condotta su oggetti, linguaggio e spazio che, riciclati perché ormai privi del ruolo primigenio che ne costituiva a tutti gli effetti il senso, il valore, o deviati verso altre mete di significazione, fanno slittare la ricerca su un livello concettuale.

La programmatica distrazione comporta infatti una necessaria riflessione dei valori di “uso” e di “senso” comunemente acquisiti.                          

Vania Granata

 Gianluca Cresciani vive e lavora a Roma.

 

a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - ROMA - tel. 347 7074779 fax 06.23317832