Home > Magazine > Recensioni > articoli

NETIZENS, CITTADINI DELLA RETE
di Francesca De Nicolò

Dove: Sala 1
Quando: 04/12/2002 - 22/12/2002
Info:

Netizens, cittadini della rete, a cura di Valentina Tanni, è alla Sala 1 sino al 22 dicembre prossimo, stavolta i net artisti espongono in un terreno reale e non virtuale, anche se forse è meglio mantenere una certa ambiguità riguardo a questa storia. In questo, la sfida, di Sala 1, che intende diventare un luogo di scambio pulsante per questa 'nuova forma d' arte' in realtà presente dai primi degli anni '90, ma inizialmente su sotterranee reti locali, e propone allegata alla mostra un bando aperto ad artisti del net scaricabile sull'omonimo sito www.netizens.online.it, trampolino per giovani e futuri cyberartisti. Sono presentati progetti, di Cory Arcangel feat. Beige, Carlo Zanni ed Elout De Kok, Limiteazero e i mitici Jodi.org.

All'allestimento tradizionale 'casalingo' con una serie di PC connessi in rete, è stato preferito quello proiettivo, mantenendo la possibilità di interagire. Questo accade nel caso di I shot Andy Warhol, dove Arcangel, anarchico americano, sceglie di operare su un videogioco, visibile con una consolle Nintendo, cimelio degli anni '80, di smontarne la cartuccia e di presentare infine un lavoro dove siamo invitati a sparare con una reale pistola di plastica al fuggitivo Andy, che, ahime! una pallottola se la prese sul serio.

Dobbiamo evitare, ironia della sorte, di colpire il Papa, il rapper Flavor Flav, e il Colonnello Sanders. Carlo Zanni, [a.k.a beta], di recente all'Analyx di Ginevra, propone una serie di olii, dove l'immagine-ritratto jpg, spesso oggetto dei suoi lavori on line, stavolta è dipinta ma non caricata . L'icona jpg, che è oramai una presenza costante, nella nostra società dello spettacolo, è stata riprodotta, diventando luogo di un enigmatica domanda senza risposta. Elout De Kok , ci fa entrare in un mondo virtuale, altamente avvenirista, se non mimale, vaghiamo tra le vie e i meandri di questa metropoli, città della rete che siamo chiamati a spiare come in un gioco in soggettiva.

I LIMITEAZERO, milanesi, sono interessati ad analizzare le trasformazioni, quasi biologiche della percezione a seguito dell'intromissione delle macchine nella nostra cara vita umana e, quotidiane, elaborano dei sistemi per carpire questi stati alterati. Presentano una elaborazione di dati manipolati, eseguita utilizzando il sistema Carnivore caro già agli americani Radical Software group di Alex Gallaway, programma utilizzato dall'FBI per sniffare i dati della rete a nostra insaputa.

Jodi.org duo olandese, uno dei primi gruppi a sperimentare l'arte nel net, propone un progetto dal titolo Untitled game, una serie di 12 videogames , nel quale come spesso ama fare, inverte e modifica la struttura di un gioco elettronico di suo comune e domestico, in questo caso Quake, per proporre al contrario un interessante gioco non gioco dal fascino anni settanta, smaccatamente optical, scegliendo al contrario degli sgargianti colori ai quali oramai siamo abituati, l'alternanza essenziale bianco nero. Rimangono però i suoni di sottofondo originali, spari, lamenti ed altro. La copertina del catalogo e l'immagine logo di Netizens è stata inoltre studiata dai Sintetik, interessante gruppo di web designer, net artisti, di Verona.

19/12/2002

a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - 00159 - Roma | Cell. 347 7074779 - Fax +39 06 97258910