Home > Magazine > Recensioni > articoli

GIUSEPPE SPAGNULO - Ferro & Fuoco
Paola Donato

Dove: Galleria Anna D'Ascanio
Quando: 20/05/2003 - 20/07/2003
Info: via del babuino 29, lun/ven 10.30 /13.00 15.00/19.30.

la rosa dei venti

Dopo la splendida mostra di Cesare Tacchi, Segnoggetto, la Galleria anna d'ascanio con Ferro & Fuoco presenta a Roma una interessante selezione di opere di Giuseppe Spagnulo, artista internazionale che lavora tra il nord Italia e la Germania.

La mostra mette in evidenza il rapporto tra la produzione plastica e la recente produzione di opere su carta.

Le carte e le sculture esposte sono state realizzate per l'occasione.

Le sculture che ritrovano la media dimensione, si dislocano a terra in un percorso che è quasi una serie di giocattoli abbandonati. Questi giocattoli sono intensità del fare ed erotica profusione di Ferro e Fuoco. E' difficile resistere alla tentazione di usare il tatto per entrare in rapporto più stretto con la forza atavica che queste sculture sprigionano.

L'acciaio scuro trasuda il suo essere stato molle e foggiato, trasuda il lavoro e la passione che l'artista vi ha infuso. Improvvisamente, le opere di Spagnulo, si fanno vive e si scompongono come fossero un etereo puzzle.

Uno solo o una miriade di blocchi si staccano dai corpi centrali e cadono giù. Dopo l'operazione di costruzione del corpo di acciaio inizia lo svuotamento. Non è mai una perdita e resta sempre forte l'idea di potersi mettere lì, con pazienza, a ricostruire la decostruzione voluta. Chi osserva si sente partecipe vorrebbe sedersi a gambe incrociate a giocare con i cubi che sono rotolati via.

Le carte si fanno anch'esse scultura, perdono la loro leggerezza sotto il peso della polvere vulcanica che le ricopre. Anche qui il tema ricorrente è lo svuotamento. Spesso un frammento si stacca via, bianco su nero, carta su fuoco. E' un lavoro tutto mentale di decostruzione e ricostruzione profonda, ma che mette in rilievotutto il lavoro dell'uomo. L'uomo e l'artista: la forza del fuoco costruttivo e la forza del pensiero creativo.

La mostra nell'insieme è un connubio perfetto di spazi espositivi e di esposizione. Le opere scandiscono lo spazio e lo spazio le lascia libere di espandersi attorno.

Indifferentemente dalle dimensioni, Spagnulo, riesce sempre a coinvolgere l'osservatore facendogli ripercorrere la forza della materia e del lavoro, eppure Ferro e Fuoco si fanno leggeri e ciò che maggiormente emerge è la complessità della mente .

Il ferro si rivela materia, strumento: il fuoco. E' l'artista che con grande umiltà, con la mano e con la mente, li piega a suo volere o ne rivela l'intima natura.

20/05/2003

a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - 00159 - Roma | Cell. 347 7074779 - Fax +39 06 97258910