Home > Magazine > Recensioni > articoli

Gli Schermi Sensibili di Francesco Calia
Loris Schermi

Dove: Studio Z
Quando: 05/02/2005 - 12/02/2005
Info: via del Casale Galvani 9 tel 064500626 ore 18-21

Schermi sensibili E, 2004, olio e stampa su tela, 90X90 cm

Schermi Sensibili è il titolo del lavoro di Francesco Calia che abbiamo potuto vedere nella sua ultima mostra allo studio di Gaetano Zampogna in via del Casale Galvani. È ancora la memoria il filo conduttore della sua ricerca partita dalla riflessione sui maestri dell’arte del Novecento e passata per il frammento della realtà naturale.

Ora Calia sposta la sua attenzione sull’ambiente urbano, proponendo nove opere di medio formato, nove frammenti di immagini prelevate dalla realtà di tutti i giorni, esposte in un unico ambiente, accanto a colori e pennelli, lasciati lì ad evocare la naturale destinazione del luogo che le ospita. Il suo è un attento lavoro sul media fotografico che sceglie e rielabora. Sulle tele è impresso l’attimo, l’immagine, troppo veloce per essere assimilata. Frammenti di vita metropolitana animati da figure senza identità. Sono le 1000 persone che ogni giorno ci passano davanti, volti nascosti che la memoria non riesce più a far affiorare.

Calia ferma il momento, pone l’attenzione sull’immagine di passaggio, su ciò che vive nel mezzo, tra il prima e il dopo. Il colore non c’è più, è sbiadito dal tempo che passa veloce. Riappare delimitato nell’elemento geometrico, inaspettato e disturbante, che sembra averlo assorbito come una spugna. Tutta la razionalità dell’artista, sta proprio lì, nel quadrato al centro dell’immagine, archetipo della razionalità umana, del desiderio conscio ed inconscio di rifare ordine nel caos e ritrovare, anche solo per un momento l’illusione di aver sconfitto la morte.

24/02/2005

a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - 00159 - Roma | Cell. 347 7074779 - Fax +39 06 97258910