Home > Magazine > Recensioni > articoli

Gli spazi ricreativi di Isabella Hollauf
Alessia Tuzio

Dove: MLAC - Museo Laboratorio d’Arte Contemporanea
Quando: 07/05/2009 - 28/05/2009
Info: piazzale Aldo Moro 5, tel 0649910365, lun-ven ore 14-19, ingresso libero

Una veduta della  mostra Spaces for Recreation di Isabella Hollauf

Da giovedì 7 maggio 2009, presso il Museo Laboratorio d’Arte Contemporanea della Sapienza, è in mostra Spaces for Recreation di Isabella Hollauf, a cura di Domenico Scudero. L’esposizione presenta cinque serie di foto e una video proiezione realizzata in collaborazione con Josef Dabernig.

Il lavoro di Isabella Hollauf, artista e fotografa viennese, ritrae una serie di luoghi ricreativi in disuso, come l’Amusement Park a Dunaùjvàros, Ungheria. Le immagini di luoghi un tempo affollati ma oggigiorno dimenticati appaiono nostalgiche e, a volte, tristi.

Le location di Roma, Lipsia, Vienna e Cracovia scelte per gli scatti sono tutte state costruite negli anni ‘60 e ’70 e si trovano attualmente in stato di abbandono.

L’estetica comune di parchi a tema, giardini, piste ciclabili e circoli per anziani, rimanda alle politiche adottate dai vari governi in quel periodo storico: sia i regimi socialisti che le democrazie più liberali utilizzarono degli standard di progettazione simili che alludevano alla funzione che entrambe le forme di governo attribuivano a questi luoghi, ovvero la partecipazione dell’individuo a determinati programmi culturali facenti parte di una società complessa.

Attraverso la fotografia e il video, Isabella Hollauf e Josef Dabernig ricercano le relazioni fra le politiche, le architetture e la progettazione ambientale delle società nel XX secolo. L’esposizione consente, inoltre, di valutare i progressi delle concezioni governative e urbanistiche nei confronti dello spazio pubblico adibito alla ricreazione, un tempo controllato unicamente dallo Stato e passato adesso nelle mani di imprese private che creano e gestiscono parchi divertimento a pagamento.

Concepita come “work in progress”, Spaces for Recreation è una tappa del viaggio che porterà l’artista a toccare altre città e a ritrarre altri luoghi ricreazionali abbandonati, arricchendo così il materiale fotografico da esposizione.

15/05/2009

a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - 00159 - Roma | Cell. 347 7074779 - Fax +39 06 97258910