Home > Magazine > Recensioni > articoli

Silvia Levenson / Elena Monzo. Doppia personale alla galleria Traghetto
Melania Rossi

Dove: Galleria Traghetto
Quando: 25/06/2009 - 26/09/2009
Info: via Reggio Emilia 25, tel 0644291074, mar-sab ore 14.30-19.30 o su appuntamento, ingresso libero - http://www.galleriatraghetto.it

Silvia Levenson / Elena Monzo

Ricordare e associare i pensieri.

Dimenticare e perdonare.

La doppia personale presso la galleria Traghetto affronta questi temi attraverso le opere di due diverse personalità artistiche. Quella ironicamente consapevole di Elena Monzo (Brescia, classe 1981) e quella lucida e naïf di Silvia Levenson (Buenos Aires, 1957).

Figure di donna che un segno alla Schiele ferma in pose vorticose si mescolano ad un erotismo pubblicitario, a personaggi mascherati, a rose e bocche in glitter. “Angeli che scoppiano come popcorn”, ognuno diverso e ognuno in fondo identico perché leggero ed effimero, fatto di ricordi che affiorano per poi evaporare.

Elena Monzo rappresenta così la non-logica delle immagini sedimentate nella nostra mente, del ricordo. Ricordo che Silvia Levenson deve percorrere per la sua indagine sul perdono. Guardare l’infanzia, simboleggiata nell’installazione da una piccola sedia per bambini, per trovare il filo spinato, il dolore. Le zone d’ombra in famiglia, i disagi sottili, i segreti portati per tutta la vita nello stomaco diventano un gioco nel mondo dei bambini, come nel mondo onirico della Levenson la frase “di questo non si parla” è scritta sulle tazzine color pastello.

E così forse è più facile perdonare, conquista più adulta e sofferta dell’oblio.

02/07/2009

a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - 00159 - Roma | Cell. 347 7074779 - Fax +39 06 97258910