Home > Magazine > Recensioni > articoli

SphereCode e le sue fotografie d'artista.
Luisa Chiumenti

Dove: Coronari 111 Art Gallery
Quando: 04/01/2014 - 11/01/2014
Info: Tel. 06 8971 6552 info@coronari111.com www.coronari111.com

SphereCode, The Mask, Fotografia

Il risultato di uno scatto, che assurge a immagine pittorica, per gli effetti cromatici, che oltrepassano il semplice “segno” e danno un valore plastico alle immagini stesse: questo lo spunto che ha dato vita recentemente ad un evento artistico del tutto nuovo, che ha visto due artisti a confronto.

E' sempre molto stimolante, non solo per i protagonisti dell'evento, ma anche per chi ne osserva le fasi e ne può cogliere i risultati assistere ad una sorta di performance; il confronto fra i due artisti

è avvenuto recentemente in Roma, presso la prestigiosa “Coronari 111 Art Gallery”, mettendo di fronte le opere di SphereCode e Sità, di cui sono state messe in evidenza le similitudini e le differenze artistiche.

Perchè “a confronto”? In effetti la “contaminazione”, come essi stessi hanno definito l'evento, si raccorda con l ' impressione suscitata nell'osservatore, che le rispettive immagini appunto “si contaminino”, in quanto le fotografie di Sherecode si possono assimilare a quadri, mentre i quadri di Sità sembravano fotografie.

Nella esposizione alla Coronari 111 Art Gallery subito si è potuto cogliere la particolarità di una coincidenza tra fotografia e pittura, nel senso che è difficile distinguere un genere dall'altro e anzi forse i due generi stessi tendono a sovrapporsi. Sono stati i due stessi artisti, SphereCode (nome d'Arte) e e Gianluca Sità, a ideare la mostra e si è potuto facilmente cogliere, dai risultati, quanto sia stata anche per la loro arte non solo un'operazione di assoluta libertà e di stimolo, ma anche una sorta di “gioco” che ha permesso loro di creare opere senza dubbio autonome, ma coinvolte in qualche modo negli spunti offerti dal lavoro dell'altro, nelle contaminazioni nate spontaneamente dall'incontro.

Volti e pose diverse dei modelli, sono sono gli spunti delle fotografie di SphereCode, che l'Artista poi immortala con una forte esaltazione dei colori, attraverso l'uso di filtri in nero. Ed ecco visualizzate le incomprensioni e i silenzi di una coppia in una sorta di racconto che si può sintetizzare nella formula “Love and emotion”, ma anche la rappresentazione di forti suggestioni. Le forme assolutamente essenziali, non sono esibite, ma spesso appaiono parzialmente flesse, girate, semi-nascoste da veli o aggettanti solo parzialmente da un'ombra profonda che in realtà le avvolge, ma al tempo stesso le “scolpisce”.

In particolare le foto presentate recentemente a Roma, presso la Galleria di Via dei Coronari, sono in grado di creare un vero e proprio racconto: come “Love and emotion” e “Flames”: dalle incomprensioni di una coppia alla esuberanza della rossa capigliatura di una ragazza: produzioni poste in un confronto stimolante con le realizzazioni dell' artista Sità posizionate di fronte. Mentre Sità ha perseguito fin dagli anni della prima formazione un normale percorso artistico, frequentando l'Accademia, SphereCode, nato a Roma, indirizzò iniziata la propria formazione verso gli studi biologici, tuttavia si dedicò in ogni suo istante libero, fin da giovanissimo, a quello che egli sentiva allora come un “hobby” , ma ben presto si accorse che era diventato lo scopo della vita, la passione da seguire. E in tal modo gradualmente, comprendendo sempre meglio verso quale mondo doveva orientare il proprio impulso creativo, sentì nascere in sè la netta predilezione per la fotografia naturalista, surrealista, pop e ritrattistica creativa.

SphereCode, già affermato e presente in numerose collettive e personali, è davvero un artista da seguire da vicino nel suo percorso creativo perché le sue emozioni possono essere condivise da ognuno, a seconda del proprio temperamento

12/02/2014

a cura dell'Ass. "Merzbau - Arte e Cultura" sede legale via del Badile 14 - 00159 - Roma | Cell. 347 7074779 - Fax +39 06 97258910